Pulizia e Sterilizzazione

Il protocollo adottato nel Nostro Studio

Protocollo di Pulizia e Sterilizzazione dello Strumentario e degli Accessori adottato nel Nostro Studio

Per una corretta e responsabile salvaguardia della salute del paziente il nostro studio applica , avvalendosi di macchinari all’avanguardia, un protocollo di pulizia e sterilizzazione di strumenti ed accessori che si compone di 3 fondamentali fasi:

1) DECONTAMINAZIONE

L’obiettivo primario da raggiungere in questa fase è quello di ottenere una prima riduzione della carica batterica sullo strumentario e gli accessori al fine di prevenire la dispersione di contaminanti nell’ambiente circostante. A questo scopo il personale addetto, dopo aver indossato la mascherina, occhiali protettivi e guanti, si preoccupa di preparare una soluzione decontaminante e immergervi gli strumenti per il tempo e i modi indicati dalla scheda tecnica del prodotto. Alla fine di questo primo passaggio , gli strumenti cosi trattati vengono risciacquati ed asciugati, pronti per la fase successiva.

protocollo di sterilita Protocollo di SterilitàUno dei macchinari utilizzati nel nostro studio per la sterilizzazione

2) DETERSIONE

L’obiettivo primario da raggiungere in questa seconda fase è la completa rimozione ed allontanamento dello sporco e dei microrganismi presenti su strumenti ed accessori. Tale obiettivo si raggiunge mediante diverse azioni: meccanica ( sfregamento), chimica (detergente), termica. E’fondamentale che la durata di queste azioni sia adeguata allo scopo prefisso. I modi tradizionali per coseguire la detersione che anche noi utilizziamo sono:

- Detersione manuale, gli strumenti vengono posti in una vaschetta di un apparecchio ad ultrasuoni contenente un liquido disinfettante e detergente. Il liquido, posto in vibrazione dall’apparecchio stesso deterge appropriatamente gli strumenti, che vengono poi risciacquati ed asciugati.

- Detersione Meccanica con ultrasuoni, durante la quale gli strumenti vengono risciacquati ed asciugati manualmente dopo essere stati immersi per il tempo indicato dal fabbricante in un apparecchio ad ultrasuoni.

Nel settore odontoiatrico,come già in quello ospedaliero,si avverte sempre più la necessità di un trattamento standardizzato dello strumentario contaminato.Per questo nel nostro studio si è cercato di automatizzare la fase di detersione dello strumentario ,consentendo di ridurre al minimo il rischio di contaminazione dell’operatore ed aumentare l’efficacia delle procedure a tutto vantaggio del paziente. Per questo da più di 15 anni è stato introdotto l’uso di lavastrumenti termodisinfettanti che eseguono cicli di disinfezione termica a 93°C con mantenimento costante della temperatura per 10 minuti.Ciò ha effetto battericida,fungicida e virus debellante,inclusi HBV e HIV. Questo macchinario si affianca e migliora le già descritte tecniche tradizionali.

3) STERILIZZAZIONE

L’obiettivo primario da raggiungere in questa terza ed ultima fase, ottenibile attraverso un passaggio in un apposito macchinario (Autoclave), è di uccidere tutti i microrganismi patogeni non ancora debellati dalla superficie degli strumenti ed accessori dopo le prime due fasi ( Decontaminazione e Detersione). Per ottenere questo fine, dopo aver eseguito preventivamente le fasi di decontaminazione e detersione , andiamo ad asciugare gli strumenti con panni sterili e successivamente ad imbustarli in confezioni sigillate termicamente. Fatto ciò, Predisporremo gli strumenti imbustati nelle apposite vaschette dell’autoclave e andremo ad attivare il ciclo di sterilizzazione secondo le modalità e il protocollo del macchinario. Terminato il ciclo ( di durata normalmente non inferiore all’ora ) Lasceremo raffreddare gli strumenti prima di rimuoverli dalla macchina e riporli negli appositi cassetti , pronti all’uso ( Per tutti gli strumenti non ad uso certo viene apposta sul retro della busta la data di sterilizzazione che viene rieseguita allo scadere del periodo temporale di 30 gg ). Senza ombra di dubbio però, il fiore all’occhiello del nostro studio dentistico è il DAC UNIVERSAL, rivoluzionario macchinario utilizzato per la pulizia,lubrificazione e sterilizzazione automatica di turbine ,contrangoli e manipoli tra un paziente e l’altro. Questo apparecchio infatti, con un ciclo di lavaggio che utilizza acqua ad altissimo livello di pressione, in meno di 10 minuti permette di riportare in perfette condizioni igieniche e pronti per il riutilizzo i nostri trapani, riducendo i rischi di contaminazione crociata per i nostri pazienti.

COME FUNZIONA IL DAC UNIVERSAL:

L’autoclave DAC UNIVERSAL utilizza una procedura di lavaggio chiamata acqua pulsante (Pulse wash) ad altissima pressione che sottopone i nostri trapani ad un lavaggio completo interno ed esterno .

Alla fine dell’intero processo le turbine ed i manipoli sono esposti ad un processo di sterilizzazione( anche in questo caso interna ed esterna chiamato backflush) durante il quale viene generato all’interno della camera dell’autoclave un flusso di vapore sterile ad altissima pressione e temperatura ( 121° o 134° a seconda del programma selezionato ) ripetuto per ben 16 volte. Questo garantirà una completa e perfetta sterilizzazione.

dac universal Protocollo di Sterilità


Newsletter

Nome
E-mail
newsletter